Tutto Quello che Avreste Voluto Sapere sulle Criptomonete e Non Avete Mai Osato Chiedere (spiegato semplice)

Ho iniziato a interessarmi di criptomoneta attorno al 2016, per una pura curiosità che in tutta franchezza non ricordo neppure da cosa sia nata. Oggi come oggi, quelli come me si autodefiniscono come coloro che hanno iniziato tardi, troppo tardi, salvo poi accorgersi che tutti, ma proprio tutti, anche gli operatori più veterani, dicono di sé stessi esattamente la stessa cosa. Tutti siamo entrati troppo tardi. Ma siamo entrati.

Inizialmente — lo dico per chi si autocensura — non ci ho capito quasi nulla, anche se la materia, non chiedetemi perché (visto che comunque ve lo spiegherò), continuava a interessarmi mano a mano che mi ci addentravo. A distanza, trovo giusto compilare questo post esplicativo, che avevo nel cassetto da parecchio. Lo spirito del titolo, che volutamente richiama Woody Allen, è appunto quello di esprimersi senza peli sulla lingua, in un linguaggio assolutamente “da uomo della strada”, ossia da persona che ama la concretezza prima ancora del rigore, ovvero che ama il rigore solo se funzionale alla concretezza.

Domande e risposte

Il post è strutturato come una lista di possibili vostre domande, alle quali cerco di dare una risposta completa ed esaustiva. Iniziamo…

Cosa SONO le criptomonete?

Facciamo una premessa. Se io vi dicessi che il petrolio e il mais sono “cose” che servono per “fare i soldi” attraverso la compravendita in borsa, molto probabilmente voi stessi, anche senza una laurea in economia, avreste una reazione un po’ sconcertata, e mi rispondereste: “Ok, sappiamo che è possibile investire in petrolio o nelle quotazioni del mais, ma questa che ci hai dato non è una definizione. La definizione è un’altra. Il petrolio è una sostanza estratta per produrre vari altri prodotti, dalla plastica alla benzina. Il mais è un cereale dal quale si ricavano farine con le quali si producono alimenti di varie tipologie.”

Ebbene, la stessa dinamica oggi riguarda la comprensione delle criptomonete, che per molti sono unicamente delle “cose” per “fare soldi”, la cui natura rimane o un mistero, o un dettaglio non interessante.

Le criptomonete sono asset digitali fungibili che vengono scambiati direttamente, senza mediazioni o terze parti centralizzate, attraverso l’interazione crittografata di portafogli digitali sincronizzati con un registro attraverso opportuni algoritmi.

Lo so. Non ho parlato troppo potabile, ma tranquilli, ora spiego tutto parola per parola.

Le criptomonete sono asset, ossia “beni” in inglese, che però non hanno natura fisica, ma digitale; sono, in altre parole, come i documenti in formato PDF o le vostre foto JPG. Esistono e sono manovrabili, ma non si possono toccare con mano.

Perché è necessario dire che sono fungibili? Anche qui la cosa è semplice. La banconota da 20 euro che ho in tasca, per essere chiamata “moneta”, deve essere del tutto identica, ossia di pari valore, rispetto alla banconota da 20 euro che anche voi avete in tasca. Se un asset digitale di questo genere non fosse fungibile (e infatti un asset del genere può anche essere non fungibile, e dare corpo a un mercato di beni altrettanto non fungibili, come le opere d’arte, o particolari oggetti digitali, di cui però non parlerò in questo post), non potrebbe essere assimilato ad una moneta, spendibile esattamente come valore di scambio monetario.

Oltre a questo, il nome stesso, criptomonete, allude al fatto che i portafogli digitali che le visualizzano e scambiano utilizzano algoritmi crittografati, ossia legati all’interazione tra una chiave pubblica, l’indirizzo, tipo IBAN, al quale inviare da un altro portafoglio le quantità di asset designate, e una chiave privata, ossia un codice segreto (tipo quello che vi serve per manovrare il vostro conto bancario) che permette di disporre la tale operazione verso altri wallet propri o di altri soggetti. Il registro che poi si occupa di annotare tutte le operazioni è una “cosa” che avrete spesso sentito nominare: la blockchain, ovvero, più precisamente, la “blockchain di turno”, visto che alcuni progetti hanno la propria, ossia la “catena di blocchi”, che riporta ordinatamente, lungo appunto una sequenza di blocchi computazionali, le varie operazioni.

Pertanto, le criptomonete possono essere immaginate come un ammontare infinitamente porzionabile e fungibile di “metallo prezioso digitale” perfettamente utilizzabile per trasferire ricchezza, ovvero unità di scambio, tra singole persone, senza la mediazione di alcun operatore.

Ok, ho capito. Ma in fondo anche i contanti sono una roba che posso scambiare senza mediazioni. Perché dovrei usare strani marchingegni informatici se posso usare i soldi cartacei?

Posto che il sottoscritto non è mai stato e non sarà mai a prescindere contro qualcosa, ivi compresi i contanti, la risposta qui è semplice, e si esprime in forma di ulteriore domanda. Vi sembrerebbe facile portare una valigetta di banconote, che so, in Canada, in Francia, o anche solo da Milano a Roma? Se poi, al posto delle banconote (fiat money), doveste trasportare dei lingotti d’oro (hard money), di per sé funzionalmente e costituzionalmente molto più simili agli asset digitali, fate un po’ voi…

Va bene. Allora utilizzo il mio home banking…

Ovvio. Pure io lo faccio. Ma attenzione. Io non sono e non sarò mai un seguace delle teorie del complotto che oggi infestano i parlamenti e le giunte comunali coi loro scappati di casa, ma una cosetta ve la devo dire…

I soldi che voi detenete in banca sono vostri fino a un certo punto. In qualsiasi momento, un governo, un ente sovraordinato, una disposizione ministeriale, oppure un’azione forzosa (giusta o ingiusta che sia, non sta a me dirlo) messa in atto da un nemico potente, da una ex moglie, o da chiunque sia oggi sia designato come soggetto in grado di svolgerla, ivi compreso il gestore di un’amministrazione controllata del vostro istituto di credito (abito a Vicenza, e non so se abbiate sentito parlare della Popolare di Vicenza…), può mettere in discussione questa vostra legittima detenzione con un semplice click su un computer.

Le criptomonete, se conservate con opportune cautele in dispositivi sicuri e ben manutenuti, sono al riparo da qualsiasi coercizione esterna, censura e azione forzosa da parte di terze parti. Attraverso opportuni codici e password, solo voi potete usufruirne.

Io però ho sentito dire che questi portafogli digitali sono stati violati spesso da hacker esperti…

Qui bisogna essere precisi, visto che la cronaca e il giornalismo mainstream tendono a dare le notizie in modo molto equivoco, parziale e privo di opportune contestualizzazioni. In effetti operano sul mercato dei servizi cosiddetti “custodial”, vale a dire soggetti che, per semplificare la vita all’utente medio, detengono le chiavi private del medesimo e gestiscono quelli che, più che wallet, diventano dei semplici account criptovalutari. Questi soggetti — ossia enti centralizzati che detengono per conto terzi dei wallet decentralizzati — sono effettivamente stati in certi casi hackerati, e hanno perso e fatto perdere somme anche ingenti di criptomoneta.

Qui però vale una regola di buonsenso. Intanto bisogna dire che queste cose sono accadute per exchange (così si chiamano questi soggetti) che o erano “novelli” e di certo non gettonatissimi, oppure, se celebri, erano comunque coperti da tutele assicurative sui loro fondi. In secondo luogo bisogna precisare che queste violazioni non costituiscono, come nel caso strettamente bancario, dei “furti legalizzati” da normative ad uso e consumo delle classi altoborghesi o dei poteri forti, ma dei furti veri e propri, in tal senso più rari e perseguibili. Infine, vale la massima generale della decentralizzazione: se non hai le chiavi non hai la criptomoneta. Gli hackeraggi riguardano infatti o azioni congiunte verso wallet le cui chiavi sono contenute in exchange custodial, che vengono attaccati in quanto noti e probabilmente pieni di soldi, oppure verso singoli wallet non-custodial (ossia gestiti dalla sola persona che li gestisce) che però, per essere violati, devono in primis essere conosciuti (cosa impossibile o improbabile), o in qualche modo passare attraverso una richiesta subdola fatta direttamente al possessore (del tipo email che richiedono password, che invitano a scaricare software di aggiornamento non ufficiali, e via discorrendo).

In altre parole, qui a parlare è il sopraccitato buonsenso. Se devi conservare duemila euro di Bitcoin, fallo tranquillamente in un exchange noto e sicuro (Kraken, Binance, Coinbase e affini, tanto per citare i maggiori). Se invece devi conservare cifre alte, con uno o due zeri in più, utilizza wallet assolutamente personali e completamente decentralizzati, avendo l’accortezza di non tenere tutto in un solo wallet. Così facendo, solo col tuo consenso qualcuno potrà accedere ai tuoi fondi, quindi basterà semplicemente non dare ascolto ad alcuna fonte “strana” o richiesta di terzi.

La parola d’ordine della decentralizzazione è “responsabilità personale”, nel senso che tu e solo tu sei proprietario e responsabile delle informazioni per gestire le tue finanze decentralizzate.

Se non dai ascolto a nessuno, se non rispondi a mail sospette, se tieni le tue chiavi private in un posto sicuro, magari scegliendo delle modalità mnemoniche solo tue di “doppia crittazione”, puoi stare tranquillo che le tue criptomonete resteranno tue e solo tue.

Ho sentito dire però che le criptomonete sono molto volatili e inadatte a conservare valore.

Questa informazione è sostanzialmente falsa, ovvero tendenziosamente comunicata da chi evidentemente vuole demolire il concetto di decentralizzazione finanziaria. Le criptomonete hanno una volatilità del tutto confrontabile a quella di altri asset “classici”, come per esempio l’oro o il petrolio, per non parlare delle azioni di borsa che probabilmente il vostro broker di fiducia già vi sta rifilando, senza che voi battiate ciglio. Bitcoin, per esempio, ossia la criptomoneta più veterana, oggi come oggi è considerata un vero e proprio bene rifugio, in continua ascesa di valore (per suo intrinseco limite superiore alla produzione, e a meno di bolle temporanee che sono comunque all’ordine del giorno per centinaia e centinaia di altri asset) all’opposto della moneta fiat, la cui offerta sostanzialmente infinita e indefinita produce naturale inflazione. Oltre a questo, esistono poi numerose criptomonete, dette stable coin, il cui valore è agganciato ad asset monetari classici e stabili nel medio periodo; sto parlando di asset come il DAI, il Tether, il BUSD, lo USDC e via discorrendo…

Accade peraltro, in ambito criptovalutario, l’esatto opposto. Una criptomoneta come DASH ha permesso per esempio al Venezuela di emanciparsi dagli effetti nefasti della svalutazione del Bolivares. Altro che volatilità…

Ok, ma cosa ci posso comprare con le criptomonete?

A parte gli ormai tantissimi (anche troppi) progetti di aggancio tra crypto-wallet e normalissime carte di debito (Visa, Mastercard) che vi permettono di vendere al momento le vostre criptomonete e spenderle normalmente ovunque, anche per i più puristi che di “moneta classica” non vogliono neppure sentire parlare, le possibilità sono tantissime. Attraverso opportuni siti (per esempio l’ottimo Bitrefill) voi potete acquistare direttamente, tramite crypto-wallet, quindi senza passare minimamente da euro o dollari o sterline, un vasto novero di beni e servizi: codici di ricarica carburante, carte per acquistare in vari supermercati e librerie, ristoranti di note catene, prodotti di elettronica e informatica, ricariche immediate dal vostro operatore telefonico, e via discorrendo… Se poi consideriamo il fatto che, sempre tramite questi siti, potete anche acquistare ricariche per il vostro account Amazon, capiamo facilmente che con le criptomonete già oggi si può comprare praticamente tutto. A latere, questi siti che accettano pagamenti tramite criptovalute offrono spesso delle premialità aggiuntive, come cashback e sconti…

Certo, se escludiamo appunto le crypto-carte di debito (comunque perfettamente funzionanti), con le criptomonete non potete, almeno qui da noi, pagare su due piedi e direttamente il caffè del bar sotto casa, un’assicurazione o un affitto. Tuttavia anche quest’ultima affermazione è vera in parte: nel portale Qui Bitcoin trovate infatti tutti gli esercizi commerciali che in Italia hanno già fatto il grande passo di accettare criptomoneta come normale strumento di pagamento. E non sono certo pochi…

Una cosa è certa: la direzione è già quella di un ampliamento sistematico del parco di beni e servizi acquistabili direttamente con criptovaluta. Quindi, non ci sono scuse. Possiamo avere problemi a guadagnare criptomoneta, ma di certo non ne abbiamo a spenderla!

Mi pare comunque una cosa complicata. Come faccio a manovrare uno di questi wallet?

Sai usare uno smartphone? Hai un’app che ti gestisce il conto corrente? Bene. Se hai risposto sì a queste due domande, allora sei in grado di usare un comune wallet per gestire criptomoneta. Con una differenza: che la cosa è ancora più semplice.

Conclusioni

Il mondo crypto è una delle vie più semplici e sicure per tornare ad essere (dopo secoli) padroni del nostro denaro. Che tu voglia trasferire una parte dei tuoi averi in formato criptodigitale, per metterli al riparo da sguardi indiscreti e mani moleste, magari anche ricavandoci qualcosa in termini di interesse passivo, o che tu voglia più semplicemente usarli per renderti esperto di quella che sarà di certo la più grande rivoluzione economica di sempre, non aspettare.

Ma attenzione. Per quanto semplice possa essere, questo mondo — anche solo per gli interessi e per le remunerazioni che lo caratterizzano — da un lato non è adatto al puro “fai da te”, e dall’altro è spesso frequentato da imbonitori con secondi fini, che dietro la promessa di guadagni stratosferici intendono spillarti soldi a vario titolo. Il consiglio è quindi di muoverti, almeno dall’inizio, cautamente e gradualmente, chiedendo consiglio ad operatori seri e qualificati. Puoi iniziare con cifre minime, anche 40 o 50 euro, tanto per vedere come funziona il giocattolo. Poi, a seconda delle tue esigenze e dei vantaggi — o addirittura gli interessi — che avrai toccato con mano, sarai tu a decidere quanto e come investire di più.

Se passi dalle parti del padovano, posso anche darti un consiglio, attraverso collaborazioni e amicizie fidate. Per esempio, puoi fare un salto da Veneto Bitcoin Center, un ambiente amichevole dove potrai trovare risposta a tutte le tue domande, e una consulenza che non ti lascerà mai solo. Il mondo delle criptomonete è vasto, e ogni “coin” risponde a esigenze specifiche che non sono uguali per tutti, e che sarebbe meglio trattare come un abito fatto su misura.

Se questo articolo ti ha anche solo incuriosito e vuoi saperne di più, scrivimi una magnifica mail.

Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vivaldi